venerdì 15 marzo 2013

Ei ragazze.
Spero che a voi vada meglio che a me.
C'è una parte della mia vita che ora è buona e positiva, di cui non mi posso lamentare. Il punto è J. Gli voglio troppo bene, però lui è molto "giù di tono", "stressato". Non metto a caso le virgolette. infatti, J. non dovrebbe entirsi così...cioè, è lecito e possibile che si senta così, ma se fossi in lui, io farei qualcosa. Poi, litighimo quasi sempre. Io sono sempre presente per lui e lui, fino a poco tempo addietro, lo era per me.
Mi sembra strano lamentarmi per queste cose. Però non posso faci niente. Non riesco a dormire bene per cercare di capire che cosa abbia. E ho paura. Tanta paura.
Ci siamo detti fi da subito che nel momento in cui ci sarebbe stato qualcosa che non andva, ce lo saremmo detti. Forse lui, quelle parole, le h dette venerdì scorso e io mi sono aggrappata a tutto pur di far finta che tutto andasse bene.
La cosa triste è che queste parole dovrei dirle a lui, ma sono vigliacca per natura e quindi rimarranno scritte solo qui.
Un bacio

2 commenti:

  1. Se J. è importante, come credo che sia, trova la forza di parlare, di guardare nei suoi occhi e di stringere a te ciò che lo turba.
    Non abbandonatevi. Non tornerete più indietro se iniziate a nascondere e a reprimere ciò che volete dire.
    Ti stringo fortissimo tesoro =*

    RispondiElimina
  2. Dovresti tentare di parlarci,magari con calma...gli uomini , si sa, a differenza di noi donne non amano parlare e discutere dei propri sentimenti, non perchè non pensino ci siano persone abbastanza importanti da meritarsi la loro fiducia,ma proprio perchè non ne sentono il bisogno. Allora magari tu non chiedergli cosa c'è che non va, digli semplicemente che lo vedi stressato e digli che se vuole parlare tu ci sei e sei pronta ad ascoltarlo. E poi basta,lasciagli tempo. Lo apprezzerà.

    RispondiElimina